1

App Store Play Store Huawei Store

borgo terapia intensiva

BORGOMANERO -21-10-2021-- Si è svolta giovedì 21 ottobre presso l’ospedale S.S. Trinità di Borgomanero, la cerimonia di inaugurazione della nuova Terapia Intensiva della Struttura Complessa Anestesia e Rianimazione.

Realizzati 6 nuovi posti letto di terapia intensiva che raddoppiano la capacità ricettiva dell’ospedale di Borgomanero.
L’intervento è stato realizzato tramite la sopraelevazione di un piano del fabbricato interrato occupato dal servizio di Risonanza Magnetica, ricavando così l'ampliamento dell'attuale reparto di Anestesia e Rianimazione.
La sopraelevazione, realizzata in cemento armato antisismica, è dotata di idoneo sistema di isolamento per il contenimento dei consumi energetici.
Particolare attenzione è stata posta all’impatto ambientale dell’opera anche con l’utilizzo di materiali provenienti da riciclo.
Il costo dell'intervento ammonta a € 1.446.488,95, comprensivo delle apparecchiature elettromedicali.
L’intervento è il primo realizzato dall’Asl Novara rispetto alla copertura dei posti letto previsti dal Piano Regionale di Riorganizzazione della Rete Ospedaliera in applicazione del D.L. Rilancio.


Nelle prossime settimane sarà avviato l'ampliamento del DEA/Pronto Soccorso per ricavare ulteriori 4 posti letto di terapia semintensiva.

Nei giorni scorsi è stato autorizzato dalla Regione il cofinanziamento (con utili di bilancio dell’Asl di Novara) del completamento degli ulteriori 4 posti letto di terapia intensiva che si aggiungeranno a quelli indicati: in tal modo l’Asl potrà garantire la copertura dei posti letto per emergenza Covid-19 così come previsto nel Piano Regionale.

 

"E’ una terapia intensiva che pone al centro il paziente, concetto nuovo per un reparto in cui storicamente i pazienti sono sedati – afferma Davide Colombo, Direttore S.C. Anestesia e Rianimazione - Molte le attenzioni per ridurre al minimo il disorientamento spazio-temporale, dalle luci che seguono il ritmo circadiano, la presenza degli orologi, schermi dedicati per interagire con i famigliari o vedere foto e video dei congiunti, tende auto-sanificanti per la privacy – prosegue - Importanti vantaggi anche per gli operatori che avranno l’accesso diretto alle informazioni del paziente dal posto letto, un ergonomia di lavoro pensata e migliorata per un facile accesso al posto letto, la presenza dei solleva-malati per il nursing e la movimentazione. Per tutti un ambiente bello, all’apparenza “poco ospedaliero” e più famigliare, più a misura d’uomo anche se tecnologicamente avanzatissima".


"In questa nuova Terapia Intensiva si coniugano tecnologia e umanizzazione, garantendo un’offerta assistenziale e di cura sempre più adeguata ai bisogni del paziente – afferma Angelo Penna, Direttore Generale - Tale modello innovativo apre ad uno scenario di assistenza moderna che rispecchia gli ideali, i valori e gli obiettivi dell’Asl e rende concreto un nuovo concetto di rianimazione con al centro il paziente.
Un ringraziamento a tutti coloro che hanno contribuito alla realizzazione di quest’opera e in particolare a tutto il personale del Reparto di Rianimazione, all’Ufficio Tecnico, alla Direzione Medica Ospedaliera e alla Direzione delle Professioni Sanitarie
Grazie alla sinergia di tutti è stato possibile, in meno di un anno, utilizzare in modo efficace, efficiente e tempestivo le ingenti risorse pubbliche messe a disposizione dal Governo e dalla Regione a beneficio dei nostri cittadini e dei nostri operatori".

 

borgo_intensiva.jpegborgo_terapia_intensiva.jpegborgo_intensiva_1.jpegborgo_terapia_3.jpeg

 

 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.