1

App Store Play Store Huawei Store

covid aou incontro

NOVARA - 10-10-2021 -- “Oggi siamo tra le regioni a più basso rischio in Europa. I dati della scorsa settimana, raffrontati con quelli dello stesso periodo dell’anno scorso, mostrano che lo scenario, fortunatamente, è completamente mutato. E questo grazie ad un grande lavoro messo in campo da una macchina organizzativa che ha lavorato in sinergia con sforzi profusi a tutti i livelli, ospedali e personale sanitario in prima linea. Questo, dunque è un grande risultato conseguito grazie al lavoro della sanità piemontese all’interno della quale l’Azienda ospedaliero universitaria di Novara è stata un punto di riferimento”.


Così l’assessore regionale alla Ricerca Applicata Covid, Matteo Marnati, intervenuto sabato mattina al convegno “Rischio clinico e sicurezza nell’era Covid-19” nell’Aula Magna dell’Aou di Novara.


“Non abbasseremo la guardia, continueremo a monitorare la situazione anche se i numeri oggi sono confortanti. Se non ci fosse stato il vaccino avremmo avuto una quarta ondata che, alla luce delle varianti emerse, forse sarebbe stata più devastante della precedente. Ma è proprio in questa ottica che appare necessario, se non fondamentale, continuare ad investire nella ricerca: sarà questa la frontiera che ci permetterà, tra qualche anno, di mettere in campo vaccini anche per altri virus, per malattie genetiche e rare. C’è bisogno del massimo della tecnologia e di un personale sempre più preparato e motivato a lavorare sul nostro territorio, dove peraltro sono presenti tantissime eccellenze. È da qui che possiamo, e vogliamo, ripartire”, ha aggiunto Marnati.

 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.