1

cartello

AGRATE CONTURBIA- 22-10-2016- Le vie di Agrate Conturbia invase da scritte in pennarello nero indelebile o di cartelli con limiti di velocità aggiunti che invitano la popolazione automobilistica a rallentare. L'autore non è ovviamente il Comune, ma un privato cittadino che da mesi scrive sui muri, sulle transenne, sui cartelli, sui pali. I suoi motti preferiti “Vai Piano”, “Rallenta”, “Vai adagio”. Il sindaco Simone Tosi l'ha già denunciato per imbrattamento. Eí già stato multato, ma lui prosegue. L'abbiamo individuato nei giorni scorsi mentre con il suo pennarello scriveva sulle transenne. Gli abbiamo sequestrato l'”arma”, ma a mezzanotte era di nuovo in giro per il paese. Non sappiamo cosa fare. Ha riempito i cartelli stradali di decalcomanie con i 15 o i 30 km/h e scrive ovunque. Ha iniziato dalla casetta dell'acqua ammonendo i ragazzi che avevano effettuato un episodio di vandalismo, poi è proseguita la sua escalation. La multa non è servita a nulla, anzi l'ha reso più agguerrito. Comunque ora abbiamo interessato del caso il suo medico di base ed i servizi sociali per cercare di fermarlo in modo definitivo per evitare che la situazione degeneri. Tosi conosce bene l'autore: “Una volta si limitava ad esternare con dei fogli scritti con il computer con cui metteva in risalto delle situazioni del paese, collaborava anche al giornale comunale. Poi è iniziata la mania del pennarello. Ha imbrattato anche dei dissuasori in granito e delle balaustre nuove. Ed ha anche realizzato un cartello farlocco in cui si mette in vendita il municipio con tutti i suoi componenti, spacciandolo per un vero affare”.  

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.