1

toga avvocato

BORGOMANERO - 11-01-2018- In lite con

il vicino per una questione di confini dei terreni, a 87 anni finisce in un’aula di tribunale con l’accusa di minaccia aggravata. Teatro della lite con minacce un cascinale nella zona di Borgomanero. “Mi ha rincorso impugnando un paio di forbici e mi ha preso a calci negli stinchi”. Ad accusare il pensionato ultraottantenne il vicino, 64enne, che non si è costituito parte civile, con il quale i rapporti erano tesi da tempo per una questione di confini; una querelle che evidentemente i due trascinavano da tempo visto che entrambi si erano rivolti a geometri per definire la questione, fintanto che il vicino, avuto il parere del professionista che sulla scorta di mappe catastali e grazie alle misurazioni, aveva stabilito la linea, peraltro immaginaria, che separava le due proprietà, per sottolineare il tutto aveva teso una bindella di plastica, di quelle bianche e rosse, tra i paletti che gli aveva indicato il geometra. “Quel giorno (era l’ottobre di cinque anni fa, ndr) lui (l’imputato, ndr) è arrivato impugnando un paio di forbici: voleva tagliare la bindella. Io mi sono arrabbiato, mi sono messo a gridare e lui si è mosso verso di me impugnando le forbici, gridando “vieni qui che ti ammazzo”. Ho preso paura, ho iniziato a scappare e lui, dietro, mi seguiva e mi colpiva con calci agli stinchi. E’ stata mia figlia a chiamare i carabinieri”. Che erano arrivati, avevano ascoltato i due contendenti e poi erano andati a casa dell’anziano dove avevano sequestrato il paio di forbici e per l’anziano (che ora ha problemi di deambulazione) era scattata la denuncia. Il pubblico ministero ha chiesto la condanna a una multa di cento euro, il difensore, avvocato Riccardo Tacca, la derubricazione da minaccia aggravata a minaccia semplice (“le forbici le aveva in mano ma per tagliare la bindella non per minacciare”), l’assoluzione perché il fatto non sussiste, o, in subordine non doversi procedere per mancanza di querela. Si torna in aula a febbraio per eventuali repliche e sentenza.

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.